«Musica Scenica» PDF

Please forward this error screen to pm08. La musica leggera raggruppa in sé un insieme di tendenze musicali caratterizzate da un linguaggio relativamente semplice e in alcuni casi schematici. Essa è strettamente inserita nel circuito di diffusione commerciale mondiale con incisioni discografiche, videoclip, festival, concerti-spettacolo e «Musica Scenica» PDF in reti televisive e radiofoniche. Nello specifico il termine ‚musica leggera‘ nacque in Italia per definire la musica popolare italiana.


Författare: Susanne Schaal.
Die Gattung Oper verdankt ihre Existenz den Bemühungen humanistischer Gelehrter und Musiker, die antike Praxis des musikalisch begleiteten Dramas wiederzubeleben. Giovanni Battista Doni unternimmt um 1630 den Versuch, diese Bemühungen unter Hinweis auf viele verschiedene griechische und lateinische Quellen theoretisch zu fundieren. Wie sich seine Antikenrezeption vor dem Hintergrund der musikalischen Traditionen seiner Zeit zu einer aufschlußreichen Zustandsbeschreibung der frühen Oper verbindet, untersucht die vorliegende Studie. Die Analyse der operntheoretischen Schriften zeigt außerdem, daß Doni, der die Begriffe stile rappresentativo und stile espressivo prägte, gleichwohl keine Stillehre der Oper im Sinne hatte.

Nella penisola, prima della British invasion dei primi anni sessanta, il termine inglese ‚pop music‘ per definire questo tipo di musica era pressoché sconosciuto ai più, e fu assorbito in seguito alla fama conquistata dai gruppi d’oltremanica. Schema riassuntivo della divisione dei generi musicali. Di particolare importanza per il successo del pop è il fenomeno del cosiddetto plugging, cioè una prassi che consiste nella continua e insistita proposizione di un brano da parte dei media. Al plugging può essere data anche l’accezione di „convenzione generica“, anche se questa definizione trova un termine più specifico e un respiro più largo nella standardizzazione.

La musica pop riesce a dare spesso l’impressione dell’innovazione tramite l’uso di stravaganze controllate nella misura in cui possono essere ricomposte in questo cosiddetto linguaggio naturale. Per essere popolarizzata, una canzone deve potersi distinguere dalle altre mantenendo, tuttavia, le stesse convenzioni di tutte le altre. Con l’avvento della TV, in particolare con l’utilizzo commerciale del video musicale, l’impatto visivo diventa essenziale per ogni gruppo o artista che vuole entrare nel circuito commerciale. La durata di ogni brano è un altro elemento caratterizzante. Infatti, per venire incontro ai tempi televisivi e radiofonici, i brani spesso non superano i 4 minuti. Le canzoni che oltrepassano questa durata vengono in genere sottoposti a un’operazione di editing in modo da accorciarne il minutaggio.

Tipico dell’industria musicale è anche il fenomeno dell’imitazione, fondamentalmente un’operazione commerciale che punta a ricalcare il successo di un certo brano o di un certo artista. Questo fenomeno porta all’esplosione delle mode e delle tendenze, si pensi ad esempio alla moltitudine di gruppi beat degli anni ’60 che ricalcavano il fenomeno Beatles. Lo stesso argomento in dettaglio: Musica popolare. Come si è detto la musica leggera è un tipo di musica che deve essere accessibile e fruibile da tutti seguendo quindi una logica di mercato in contrasto con la cosiddetta musica alternativa o underground.

Nonostante la mancanza di originalità, la musica mainstream ha comunque il grande pregio di portare buona parte dell’underground al grande pubblico, influenzando e trasmettendo così in modo più ampio la cultura popolare, trasformando l’idea musicale in qualcosa di più assimilabile da tutti. Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. Bill Lamb, „What Is Pop Music? Storia della musica leggera popolare italiana Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive.