Rodi. Con atlante stradale PDF

Il comune fa parte della regione geografica italiana, trovandosi all’interno del bacino idrografico del fiume Rodi. Con atlante stradale PDF. La storia del comune è intimamente legata a quella dell’omonima contea, della quale Tenda fu per secoli il capoluogo. Citata a partire dall’XI secolo con il suo nome italiano attuale, Tenda era al tempo dipendente dalla contea di Ventimiglia.


Författare: Klaus Bötig.
Le tendenze e i luoghi scelti per voi dagli inviati speciali Marco Polo. Tutta l’isola in tempo reale: siti, blog, forum e app per scoprirla con un click. Il viaggio dalla A alla Z con informazioni pratiche puntuali e aggiornate. Con atlante stradale e carta estraibile della regione.

Dal XIII al XVI secolo Tenda appartenne alla famiglia Lascaris di Ventimiglia. Il comune di Tenda, fino ad allora parte della provincia di Nizza, venne assegnato a quella di Cuneo. Dopo la seconda guerra mondiale la Francia, vincitrice, chiese l’annessione dei territori di Tenda e Briga, ottenendola come disposto nel trattato di pace firmato dall’Italia il 10 febbraio 1947, entrato in vigore il 15 settembre 1947. Facciata dell’Hotel de Ville con lo stemma Savoia-Lascaris. Ordinata dal conte di Tenda Onorato Lascaris verso la fine del XV secolo sulle vestigia di un edificio preesistente distrutto da un incendio appiccato dal mercenario catalano Juàn Lopez. Proprietà della Confraternita dei Penitenti Bianchi e classificata Monumento Storico. Consacrata nel 1621 e dedicata all’Annunciazione e all’Ascensione del Signore, è un vero gioiello dell’archittetura barocca.

Incisione rupestre risalente all’età del bronzo. Valle delle Meraviglie“ vicino a Tenda. Scorcio sul centro storico del paese di Tenda. Vista di Tenda con il campanile della cattedrale.

Mappa che evidenzia i territori della contea di Nizza ceduti alla Francia nel 1860, a seguito dell’alleanza franco-sardo-piemontese del 1859 nella seconda guerra d’indipendenza italiana. Sul metodo di voto – e dunque sul suo esito – applicato in questo, come in altri plebisciti tenuti nel XIX secolo, anche in Italia, alla luce degli standard attuali, sono lecite ampie riserve, basti pensare al fatto che il voto era di fatto palese. Nel caso in oggetto, in tutta la Contea di Nizza si ebbero 24. 228 voti favorevoli alla cessione alla Francia e appena 160 no.

Gian Vittorio Avondo e Marco Comello, Frontiere contese tra Italia e Francia, p. Il mulino, 1º gennaio 2002, ISBN 978-88-15-08909-0. URL consultato il 24 marzo 2017. Casterino“ in Atlante stradale d’Italia, Touring Editore, 1998, tav.

Vievola“ in Atlante stradale d’Italia, Touring Editore, 1998, tav. Amicucci, Nizza e l’Italia, Mondadori, Milano, 1939. Beltrutti, Briga e Tenda, Cappelli, Bologna, 1952. Vignoli, I territori italofoni non appartenenti alla Repubblica Italiana, Milano, Giuffrè, 1995.

Minoranze italiane in Europa, Milano, Giuffrè, 2000. Gismondi, Val Roia mutilata, Milano, Edizioni Team, 1987. Ragazzoni, La cessione di Briga e Tenda, in Il Pensiero di Nizza-Quaderno, 1997, p. XENIA Edizioni, novembre 1989, ISBN non esistente. Vignoli, Rettifiche di confine, mutilazioni territoriali, cessioni coloniali: da Briga a Fiume, da Asmara a Rodi, in La sconfitta rimossa: 1947-2007. A sessant’anni dal Trattato di pace, Edizioni Italo Svevo, Trieste, 2008.